Conto alla Rovescia

Apocalypse soon - Conto alla rovescia

(Questo articolo è stato scritto nel 1998. Ora viene semplicemente aggiornato senza però che nessuna parte di esso sia stato cancellato).

E’ quasi mezzanotte.

Alcuni eventi profetici si stanno avverando colpendo con una tempesta un mondo totalmente impreparato. Mentre l’orologio profetico continua inesorabilmente a ticchettare, la storia sta rapidamente accelerando verso la sua inevitabile fine.Le profezie bibliche, che il Signore nella Sua grazia ha voluto donarci, sono l’unico faro e l’unica bussola nell’attuale oscurità spirituale. Esse ci annunciano il ritorno del Signore Gesù Cristo e la manifestazione del Regno di Dio sulla terra preceduto dalle prove più drammatiche e traumatiche mai vissute da quando l’uomo vive sulla terra. Due terzi dell’umanità periranno in questo incredibile periodo di devastazione e solo il ritorno del Signore Gesù Cristo impedirà che si arrivi alla totale distruzione dell’umanità. Dio sta per compiere il Suo Giudizio sopra un’umanità peccatrice e (orgogliosamente) impenitente.

Perché allora vi sarà una grande tribolazione, quale non v’è stata dal principio del mondo fino ad ora, né mai più vi sarà. Se quei giorni non fossero stati abbreviati, nessuno scamperebbe; ma, a motivo degli eletti, quei giorni saranno abbreviati. Matteo 24:21, 22

Le profezie bibliche hanno sempre avuto Israele come punto centrale dei principali eventi. Caso unico nella storia, nell’anno 1948 Israele fu ristabilita come nazione dopo un esilio durato circa 2000 anni. Questo fatto è stato ovviamente predetto dai profeti dell’Antico Testamento e costituisce il principale evento degli Ultimi Tempi, dal momento che apre le porte all’adempimento delle successive profezie. Fino a quando Israele non fu rimessa al suo posto il conto alla rovescia non poteva avere inizio.

Amos 9:14-15
Io libererò dall’esilio il mio popolo, Israele; essi ricostruiranno le città desolate e le abiteranno; pianteranno vigne e ne berranno il vino; coltiveranno giardini e ne mangeranno i frutti. Io li pianterò nella loro terra e non saranno mai più sradicati dalla terra che io ho dato loro», dice il SIGNORE, il tuo Dio.

Ezechiele 37:10-14
Io profetizzai, come egli mi aveva comandato, e lo spirito entrò in essi: tornarono alla vita e si alzarono in piedi; erano un esercito grande, grandissimo. Egli mi disse: «Figlio d’uomo, queste ossa sono tutta la casa d’Israele. Ecco, essi dicono: “Le nostre ossa sono secche, la nostra speranza è svanita, noi siamo perduti!” Perciò, profetizza e di’ loro: “Così parla DIO, il Signore: Ecco, io aprirò le vostre tombe, vi tirerò fuori dalle vostre tombe, o popolo mio, e vi ricondurrò nel paese d’Israele. Voi conoscerete che io sono il SIGNORE, quando aprirò le vostre tombe e vi tirerò fuori dalle vostre tombe, o popolo mio! E metterò in voi il mio spirito, e voi tornerete in vita; vi porrò sul vostro suolo, e conoscerete che io, il SIGNORE, ho parlato e ho messo la cosa in atto, dice il SIGNORE».

Vi sarebbero molte altre profezie da citare, ma già queste dovrebbero essere sufficienti a mostrare ciò che Dio ha pianificato per Israele. Da quando Israele è riapparsa sullo scenario mondiale, molte altre profezie si sono realizzate:

Ezechiele 36:11
Moltiplicherò su di voi uomini e bestie; essi si moltiplicheranno e cresceranno e farò in modo che sarete abitati com’eravate prima; vi farò del bene più che nei vostri primi tempi, e voi conoscerete che io sono il SIGNORE.

Isaia 27:6
In avvenire, Giacobbe metterà radice, Israele fiorirà e germoglierà, e copriranno di frutta la faccia del mondo.

Isaia 43:5-6
Non temere, perché io sono con te;io ricondurrò la tua discendenza da oriente, e ti raccoglierò da occidente. Dirò al settentrione: «Da’!» E al mezzogiorno: «Non trattenere»; fa’ venire i miei figli da lontano e le mie figlie dalle estremità della terra

Cosa avverrà ora?

Il Rapimento dei credenti può avvenire in qualsiasi momento, visto che non esistono eventi profetici che devono avverarsi prima di esso.
Il prossimo evento al quale probabilmente assisteremo sarà l’attacco su Israele fatto da una coalizione di stati arabi ed ex sovietici, così come scritto circa 2500 anni fa dal profeta Ezechiele (capitoli 38 e 39), nel quale veniva descritto l’attacco identificando così queste nazioni: Gog del paese di Magog, di Rosh, Mesec e Tubal (queste aree corrispondono ad attuali regioni dell’Ex Unione Sovietica), Persia (l’attuale Iran), Cush (Etiopia), Put (Libia), Gomer (parte della Turchia orientale e dell’Ucraina), e la casa di Togarmah (Turchia meridionale). Questo attacca si tratta probabilmente di una rappresaglia in risposta ad un precedente attacco nucleare di Israele contro la Siria, nel quale Damasco verrà cancellata (vedi Isaia 17).

Nell’elenco delle nazioni citate troviamo alcuni dei più accaniti nemici di Israele ai giorni nostri. Gli stati mussulmani ex sovietici hanno intensificato i contatti con le nazioni mussulmane fondamentaliste (come l’Iran che è certamente il nemico più acerrimo di Israele). E’ risaputo che l’Iran abbia acquisito dalla Russia tecnologie nucleari e diverso materiale per la fissazione. Ciò è’ avvenuto nel 1998, mentre è notizia di questi giorni che l’Iran sia pronto a costruire la bomba atomica. Esiste una chiara documentazione che dimostra come l’Iran in particolare, stia continuamente acquistando tecnologie militare con i soldi provenienti dalla vendita del petrolio, mentre la sua popolazione vive piuttosto miseramente le cosiddette gioie della rivoluzione. Proprio in questi giorni (siamo nel 1998) i giornali riportano come la Russia abbia appena venduto un potente sottomarino all’Iran, mentre nel contempo l’Iran ha sviluppato un missile capace di raggiungere Israele. Presto queste nazioni si uniranno con l’unico scopo di distruggere Israele una volta per tutte. Ma avranno una grande sorpresa, così come il resto del mondo.

La Bibbia dichiara espressamente che queste nazioni saranno sconfitte e distrutte, per mano di un azione diretta di Dio. I loro eserciti e le loro popolazioni saranno decimate. Vi invitiamo a rileggere i nostri X-files con le relative informazioni su questo soggetto.

Io manifesterò la mia gloria fra le nazioni; tutte le nazioni vedranno il giudizio che io eseguirò e la mia mano che metterò su di loro. Da quel giorno in poi la casa d’Israele conoscerà che io sono il SIGNORE, il suo Dio (Ezechiele 39:21,22)

Anche se i capitoli 38 e 39 di Ezechiele preannunciano in modo più che dettagliato ciò che avverrà, il mondo resterà comunque senza fiato. Il risultato di questa sconfitta avrà un impatto su tutto il mondo, in particolar modo su due aspetti:

1) La fine dell’espansione dell’Islam (attualmente la religione in maggior sviluppo) e del fondamentalismo sanguinario arabo (e volendo fare un passo avanti si potrebbe arrivare a parlare della fine dell’Islam).
2) Israele diverrà la nazione maggiormente influente della terra.

Solo dopo questi avvenimenti Israele sarà in grado di ricostruire il Tempio ed avere un risveglio spirituale, come preludio alla conversione finale al Signore Gesù Cristo. Qualcuno può forse pensare che ad Israele venga concesso di costruire il proprio Tempio nell’area del Tempio dove attualmente sono presenti due moschee islamiche? Inoltre Israele si trova in una condizione di apostasia, con una piccolissima percentuale di ebrei disperatamente (e ciecamente) aggrappati alla propria amata Torah. Questa situazione si capovolgerà dopo la vittoria soprannaturale che Dio darà ad Israele sopra i suoi nemici.

Il Tempio deve essere costruito perché sarà fondamentale nel periodo della Tribolazione. Infatti l’Anticristo lo utilizzerà ed è quindi ovvio che la realizzazione di questo Tempio potrà essere fatta solo dopo uno sconvolgimento della situazione attuale. Sappiamo che sono già stati fatti dei passi Avanti nella preparazione dei sacrifici (vedi la notizia della “giovenca rossa”). I vasellamenti sacri e gli abiti sacerdotali sono stati già preparati, così come lo sono i sacerdoti incaricati di eseguire I rituali (vedere Xfiles per ulteriori dettagli).

Israele è stata definite come l’orologio di Dio. Il profeta Daniele ci ha dato una visione relative agli avvenimenti nella sua profezia delle 70 settimane. L’orologio è stato fermato alla fine della 69esima settimana, durante la Domenica delle Palme, quando Gesù a cavallo di un’asina entrò a Gerusalemme accolto dalle urla di Osanna della folla. Quindi rimane UNA SETTIMANA (sette anni), il cosiddetto periodo della Tribolazione, che presto avrà inizio e terminerà con il ritorno trionfante di Gesù a Gerusalemme sopra un cavallo bianco.

Non piú Agnello, ma Leone, non piú Servo, ma Re, non per morire su una croce, ma per regnare. Per sempre.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...